Il mio tour estivo delle Marche on the road, nonostante il caldo afoso, mi ha affascinato e conquistato del tutto. Tra visite ai borghi e relax in agriturismo, c’è stata una tappa che più di tutte mi ha sorpreso, dandomi una delle emozioni più belle vissute nei miei viaggi.

Vicino alle Grotte di Frasassi, a nemmeno 5 minuti di auto, c’è una piccola piazzola di sosta dove poter parcheggiare per incominciare la salita al Santuario della Madonna di Frasassi, chiamato anche Tempio di Valadier.  La salita è stata faticosa, con i 45 gradi percepiti, la pendenza e pochissima ombra disponibile per fermarsi a riposare. Ma è stata la fatica più bella che io abbia mai provato. Convinti a non voler mollare perché avevamo visto le foto del Santuario e ne eravamo rimasti meravigliati, abbiamo camminato camminato e camminato fino a veder l’arrivo… un santuario incastonato in una grotta, un piccolo gioiello di forma ottagonale nel fianco del monte.

IMG_1391

Il luogo era deserto, e sembrava davvero di essere giunti in un posto magico, uno di quei pochi luoghi liberi dai turisti e dalla folla, un rifugio dove potersi godere il silenzio e la bellezza. La temperatura lì era più bassa, e potevamo ammirare il piccolo tempietto al fresco. Abbiamo anche esplorato un po’ la grotta naturale che si stendeva dietro al santuario, giusto fin dove riuscivamo a farci luce con il telefono: non sappiamo per quanto continuasse e se ci fossero, più in fondo, pipistrelli da scoprire. Un po’ di mistero ha solo reso il momento più bello.

IMG_1390

Vicino al santuario si trova poi un piccolo eremo, di origine antichissima (forse addirittura il 1029), che, anche se non può esser paragonato in bellezza con il tempio, ha tutto il fascino dei luoghi di culto umili, isolati e antichi.

Non so quanto il luogo sia frequentato quando la temperatura rende più accessibile la salita, e non so se l’emozione di averlo raggiunto fosse dovuta soprattutto alla grande fatica che avevamo provato durante il percorso. Sicuramente vale la vostra visita se passate nei paraggi, ve lo assicuro!

 

Viola